Carnevali Storici: uniti e più forti

Abba in costume. Alberto Alma Collezione AE &ATG

Carnevali Storici: uniti e più forti

28 novembre 2017

Sorridono i Carnevali italiani che oggi hanno finalmente marcato un traguardo storico, ovvero il riconoscimento del Carnevale quale “bene culturale” un riconoscimento non solo formale ma soprattutto sostanziale, grazie al quale sarà possibile attingere ai finanziamenti dello Stato per la valorizzazione e la promozione delle manifestazioni carnevalesche. Un iter difficile e impegnativo raggiunto grazie all’impegno dei due parlamentari Andrea Marcucci e Manuela Granaiola e da tanti altri parlamentari che si sono adoperati affinché il carnevale ottenesse questa certificazione. “Questo importante risultato è la dimostrazione che se i Carnevali italiani si uniscono e collaborano riescono a raggiungere obiettivi importanti”, commenta la presidente dell’Associazione Carnevalia e della Fondazione Carnevale di Viareggio Maria Lina Marcucci. “Il contributo di tutti è stato fondamentale per rafforzare l’importanza del brand Carnevale italiano e per raggiungere questo riconoscimento che sancisce che le tradizioni carnevalesche sono espressione del patrimonio culturale nazionale”.

“I Carnevali sono un patrimonio culturale del Paese e avranno a disposizione un fondo di 2 milioni di euro annui per il triennio 2018, 2019, 2020. È un riconoscimento importante per manifestazioni che contribuiscono in modo rilevante al boom turistico dell’Italia”. Lo afferma il senatore Pd Andrea Marcucci, commentando l’approvazione della commissione bilancio di Palazzo Madama di un emendamento alla legge di bilancio a favore del settore, a sua prima firma. “L’anno scorso con un fondo di 1 milione di euro – sottolinea il Parlamentare – si sono sostenute le esigenze di ben 71 manifestazioni in Italia. Il raddoppio dei fondi ed il riconoscimento dei Carnevali fatto dalla legge sullo spettacolo dal vivo, sono il coronamento di un traguardo ambizioso”.

Carnevalia, l’associazione nata con l’intento di realizzare una rete di collaborazioni tra gli organizzatori dei Carnevali italiani per tutelarne e salvaguardarne il patrimonio culturale attraverso un tavolo permanente di confronto teso a sostenere lo sviluppo e una maggiore promozione all’estero degli eventi carnevaleschi italiani.

Oggi l’Associazione Carnevalia ha tra gli associati i Carnevali di Viareggio, Carnevale di Venezia, Carnevale di Putignano, Carnevale di Santhia, Carnevale di Foiano Della Chiana, Carnevale di Ivrea, di San Giovanni Valdarno, Carnevale di Manfredonia, Carnevale di Acireale, Carnevale di Sciacca, Carnevale di Fano, Carnevale di Striano, Carnevale di Borgosesia, Carnevale di Avola, Carnevale Canturino, Carnevale di Gambettola, Carnevale di Villa Literno, Carnevale di Castelnuovo di Sotto, Cento, Carnevale di Mister Bianco, Carnevale di Chivasso, Carnevale di Torino, Carnevale San Giovanni in Persiceto.

Condividi questo post