Domenica di Carnevale

Storico Carnevale di Ivrea
Momenti
Domenica di Carnevale

La domenica mattina gli eporediesi si recano a prendere i fagioli nelle diverse Fagiolate benefiche della città: Castellazzo (piazza Maretta), San Lorenzo (Ex Polveriera), via Dora Baltea e San Bernardo (piazza della Chiesa). La Mugnaia e il Generale fanno visita a quella del Castellazzo.

Ma è la domenica mattina si tiene uno dei momenti più simbolici di tutto il Carnevale: la Preda in Dora. Il Podestà con il suo seguito e i Credendari, accompagnato dagli Alfieri e dai Pifferi e Tamburi, dal Ponte Vecchio getta dietro di sé verso valle la pietra tratta dal Castellazzo pronunciando la frase “Hoc facimus in spretum olim Marchionis Montisferrati, nec permittemus aliquod aedificium fieri ubi erant turres domini Marchionis” (facciamo questo in dispregio del Marchese del Monferrato, né permetteremo che alcun edificio abbia a sorgere dove erano le torri del signor Marchese) in segno di rifiuto di ogni forma di tirannia.

Nel pomeriggio prende il via la celebre Battaglia delle Arance, con l’inquadramento dei carri da getto. Subito dopo parte la marcia del Corteo Storico.